2d4 | Parco urbano | Monfalcone

Parco urbano | Monfalcone

Progettazione di una diversa destinazione d’uso dell’intero tracciato dell’ex ferrovia Fincantieri
Monfalcone | Italia
Progettazione preliminare (Concorso di idee)
Committente: Comune di Monfalcone
Gruppo di progettazione: 2d4 (Bruna Vendemmia + Laura Falcone)
Collaboratori: Marilena Prisco
Visualizzazione 3D: Anna Sirica
Data: 2018

English text below

Sul progetto:
Il raccordo ferroviario tra lo stabilimento Fincantieri di Monfalcone e la stazione di Ronchi dei Legionari sud fu realizzato agli inizi del Novecento, contemporaneamente al quartiere operaio di Panzano. Esso serviva al trasporto di materiali verso il cantiere navale ed è stato dismesso da alcuni anni. La strategia progettuale da noi elaborata per la sua riconversione opera a scala locale e territoriale allo stesso tempo: abbiamo infatti immaginato nell’area di intervento un percorso ciclopedonale e un parco lineare che non sono soltanto un nuovo spazio pubblico multifunzionale a disposizione dei cittadini monfalconesi, ma anche un’infrastruttura di livello sovracomunale che potrà servire ai cicloturisti come collegamento tra il vicino polo intermodale di Ronchi dei Legionari e la ciclovia FVG2 (e quindi il Corridoio Verde Adriatico).
Alla scala comunale, percorrendo la ferrovia e le strade circostanti, abbiamo rilevato che i quartieri attraversati dai binari dismessi sono essenzialmente residenziali e presentano caratteristiche tipiche dei tessuti periferici.
L’area oggetto del concorso è lunga circa 2 km e larga, in media, circa 6 m; per questo motivo, volendo affiancare al percorso ciclopedonale anche uno spazio pubblico realmente fruibile, abbiamo innanzitutto cercato di individuare i punti in cui l’area di progetto potrebbe dilatarsi. Abbiamo perciò censito le aree libere prossime alla ferrovia che sono già di proprietà comunale e le abbiamo inglobate nel nostro progetto. Altre dilatazioni sono state ottenute pedonalizzando un tratto di via Canaletto e tre tratti di via Isonzo, conservando ovviamente l’accesso per i residenti e il passaggio dei bus; questa operazione può essere facilmente realizzata perché le strade carrabili perpendicolari all’area di intervento sono molto numerose e poco trafficate, per cui si può deviare il traffico veicolare, senza generare inconvenienti per residenti e automobilisti, e senza dover modificare gli attuali sensi di marcia.
Tanto il percorso quanto gli slarghi attrezzati sono pavimentati in cls drenante colorato, un materiale innovativo, particolarmente adatto ai percorsi ciclabili e, soprattutto, ad alta compatibilità ambientale.

About the project:
The railway connecting the Fincantieri shipyard and the Ronchi dei Legionari sud station was built at the beginning of twentieth century, together with the Panzano workers’ neighborhood.
It was used to transport raw materials to the shipyard and was dismissed some years ago.
Our reconversion strategy operates on both local and territorial scale: in fact, we propose to build a cycle path and a linear urban park, which are not only a new public multifunctional space for Monfalcone citizens, but also a supra-municipal infrastructure, traversed by bike tourists going from the Ronchi dei Legionari Hub to the FVG2 (and then the Corridoio Verde Adriatico) cycle path.
At the town scale, walking along the railway and the nearby streets, we realised that the neighbourhoods crossed by the railway are mainly residential, with the typical features of periphery.
The project area is 2 km long and 6 m (on average) large; as we wanted to create an actually accessible and enjoyable public space along the cycle path, we tried to locate all the free areas in which our park could expand: we then pinpointed the empty spaces near the railway which are already owned by the municipality and included them in the project.
additional enlargements were obtained by pedestrianising a stretch of via Canaletto and three stretches of via Isonzo, obviously allowing the passage of residents and buses; this can be easily done because the streets perpendicular to the project area are numerous and never busy, so that the traffic can be redirected without causing troubles for residents and drivers and with no need to change the current ways of the roads.
Both the cycle path and the side equipped squares are paved with coloured permeable concrete, an innovative material, that is very suitable for cycle paths and, above all, eco-friendly.